Ed il lento andare dell’acqua

4ba57d6cff23b291ba20a7d5f0129b8e

Certe notti rivedo
i miei passi sulla battigia
in giorni caldi d’autunno
e le mie mani di bambino
che fanno barchette di carta

Certe sere le stelle
cadono lievi e attraversano
il lago velato di ombre,
nascoste da raggi di luna
bella come una dea sul trono

Mille sogni rapiti
dal gelido vento del lago
e naufragati in silenzio
uno ad uno, come una nave
prima di morire tra le onde

Quando giunge l’aurora
i sassi brillano di brina
e annunciano le fredde ore;
quel che resta è solo un ricordo
ed il lento andare dell’acqua
*
(poesia in metrica 79899)

*

Eufemia Griffo

Pubblicato 16 luglio 2016 da Eufemia Griffo in Poesia, Poesia in metrica, Yama

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: