Cadono rose nel giardino – a Lucy Westenra   Leave a comment

lucy

La notte non ha voce.
Come un’ombra senza più veli
attraverserò le tempeste,
su una nave persa nel mare
quando ogni onda è già nemica

Sono già nei tuoi sogni.
Arde l’impronta dei miei baci,
candele gocciolanti cera.
L’abito dipinto di luna
s’arrende al fragore del vento

L’amore è un richiamo.
Ha le sembianze di una belva
dalle fauci insanguinate.
Nemmeno la Luna risplende,
si nasconde dietro le nubi

La sposa immacolata
altèra al pari di una regina,
ha smarrito tutti i sogni.
Cadono rose nel giardino
lentamente, una ad una

*

Eufemia Griffo

Poesia ispirata a Lucy Westenra, co-protagonista nel romanzo di Bram Stoker “Dracula”.

La poesia si ispira alla scena notturna che si vede nel film di Coppola, in cui Dracula (dalle sembianze di lupo), attira a sé Lucy, la quale verrà via via vampirizzata. Lucy sta per andare in sposa, ma un destino avverso sceglierà per lei, la morte eterna.

Annunci

Pubblicato 19 ottobre 2016 da Eufemia Griffo in Dracula, Poesia, Poesia in metrica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: