C’era la neve

C’era la neve – Una delle mie cinque poesie che fanno parte della silloge “La pelle non dimentica” di Autori vari. Una delle mie cinque poesie che a Dicembre, hanno vinto il premio della casa editrice Le Mezzelane.

russel

 

” Mi chiamo Massimo Decimo Meridio, comandante dell’esercito del Nord, generale delle legioni Felix, servo leale dell’unico vero imperatore Marco Aurelio. Padre di un figlio assassinato, marito di una moglie uccisa. E avrò la mia vendetta, in questa vita o nell’altra”

C’era la neve
sui fiori addormentati
sotto la quercia,
e tu dormivi accanto
senza più sogni

Ti accarezzavo
annegando nel vento
di un altro inverno,
mille ghiacci sciolti
sul mio cuore di soldato

Non hai atteso il mio ritorno,
ti hanno crocifissa come una ladra
e violentata fino alla morte.
Ti ho vista nel sogno
cadendo nel vuoto

In questa vita
avrò la mia vendetta
e chiamerò il tuo nome,
mentre io stesso andrò morendo
poco a poco, sotto le stelle

*

Eufemia Griffo

Annunci

Pubblicato 7 gennaio 2017 da Eufemia Griffo in Poesia, premi, Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: