Eufemia Griffo – Sezione B 2018

La pelle non dimentica, edizione 2018. Le mie poesie in gara per il premio.

La pelle non dimentica

rachel-weisz-interpreta-ipazia-di-alessandria-in-agoraIl pianto del vento ( A Ipazia)

Sanguina la luna, stanotte.
Si spengono anche le stelle,
gli ultimi riverberi brillano
nella notte luccicante
quando ancora tutti i sogni
sono antiche memorie

Un peplo si agita nel vento
scosso dalla dama dal nero manto
seduttrice di uomini famelici
i volti sporchi di odio
e di cenere grigia caduta
da un rogo di cielo e di nubi

Piangono gli antichi dei
agitandosi tra le pietre
dell’antico tempio.
“Ipazia, Ipazia, dove sei?”

Nella piazza, dove si raccontava
di lune, di stelle e pianeti
una pira di fuoco lambisce la notte.
Le pietre conservano ancora
il pianto del vento

Rain – A Yara Gambirasio

Voglio pensare
ad ali di farfalla
e tu in silenzio
a osservare il mondo
che a te fu portato via

Il tempo cola
sotto fili di pioggia
e catene di giorni
e sui vetri opachi
scorrono rivoli
di fragili ricordi

View original post 251 altre parole

Annunci

Pubblicato 28 novembre 2018 da Eufemia Griffo in Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: