I vecchi giorni, poesia prima classificata al concorso letterario “Castagne, streghe e dintorni”, Rovenna Ottobre 2018

I vecchi giorni

i vecchig
Seduta accanto al fuoco
rivedo tra le fiamme i vecchi giorni
mia madre che tesseva quei fili
luminosi di sole e d’amore
tra le stanche dita annodate di dolore

Mi pettinava i capelli e con i fiori,
i piccoli non ti scordar di me,
intrecciava ghirlande
e le poneva sul capo, di me bambina
di quella che ero, un tempo, una volta

I vecchi raccontano ancora
di quel giorno funesto,
lei era al fiume, le mani nell’acqua
tra le onde colorate di cielo
e cantava un’antica ninna nanna

La portarono via, la strega
la donna da ardere al fuoco,
lo stesso colore
dei nostri tramonti
quando d’estate incendiano i cieli

Mia madre perduta per sempre
nell’oblio del sole
quando tutto brucia tra le sue fiamme
mentre le acque attendono ancora
il suo ultimo canto

Eufemia Griffo 

poesia prima classificata al concorso letterario “Castagne, streghe e dintorni”, Rovenna Ottobre 2018. Poesia liberamente ispirata al mio romanzo “Sagome di carta. Le streghe di Triora” , Le Mezzelane casa ed. 2018

vecchiii

Annunci

Pubblicato 27 dicembre 2018 da Eufemia Griffo in Poesia, premi, Premiazioni, Senza categoria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: