Archivio per la categoria ‘premi

L’eco cupa del tonfo, ricordando Antonia Pozzi. Menzione d’onore nella categoria saggio letterario, premio “Arte in versi”, Novembre 2018   Leave a comment

L’eco cupa del tonfo, ricordando Antonia Pozzi

antonia_(linda caridi)_5_mgzoom

Il 13 Febbraio si celebra l’anniversario della nascita di Antonia Pozzi, poetessa milanese morta suicida a soli ventisei anni. La data che segna la fine della sua esistenza è il 3 dicembre 1938. La neve ricopre il manto erboso attorno all’abbazia di Chiaravalle e attutisce ogni rumore; l’eco del suo tonfo le dona quella pace che anelava da tempo. La sua bicicletta si ferma per l’ultima volta costeggiando i campi dell’abbazia di Chiaravalle: questa sarà la sua ultima fermata.

Suonano i passi come morte cose
scagliate dentro un’acqua tranquilla
che in tremulo affanno rifletta
da riva a riva
l’eco cupa del tonfo

Antonia Pozzi scelse di togliersi la vita giovanissima, incapace di vivere in un mondo che non riconosceva essere suo.

Sì, bello morire,
quando la nostra giovinezza arranca
su per la roccia, a conquistare l’alto.

La morte rappresentò per Antonia, quella liberazione che tanto desiderava intimamente fino a cadere in quel vuoto al quale si affidò con chiara consapevolezza.

Un passo indietro
Antonia Pozzi è bionda, minuta e delicata, una bella bambina, come la ritraggono molte fotografie; accanto a lei ci sono suo padre, l’avvocato Roberto Pozzi, originario di Laveno, e la contessa Lina, figlia del conte Antonio Cavagna Sangiuliani di Gualdana e di Maria Gramignola. Nelle fotografie i suoi genitori la guardano sempre con amore e dedizione. Suo nonno Antonio è una persona coltissima nonché un noto storico amante dell’arte e la nonna, Maria (Nena per Antonia) è una donna sensibilissima ed è la figlia di Elisa Grossi figlia di Tommaso. Con Nena, Antonia avrà fin da bambina un rapporto di tenerissimo affetto.
Nel 1922 Antonia si iscrive giovanissima al liceo-ginnasio Manzoni di Milano: si diplomerà nel 1930. Tra i banchi di scuola la Pozzi si innamora del suo professore di latino e greco, Antonio Maria Cervi, che per primo le mostra la bellezza celata tra le parole e la vita che scorre tra le righe di una penna. La studentessa inizia con Cervi una relazione che definisce in una lettera all’adorata nonna Nena come «una gran fiamma dietro una grata di nervi, un’anima purissima anelante.» Cervi non è fisicamente un uomo attraente ma possiede un’immensa cultura classica. Li accomuna l’amore per il bello, l’arte, la cultura, la poesia e il sapere in generale.
Tuttavia il padre di Antonia osteggia in maniera ferma la relazione col Cervi che viene trasferito a Roma. Questo amore resterà incancellabile dalla sua anima per tutta la sua breve e tormentata vita.

Dopo il bacio – dall’ombra degli olmi
sulla strada uscivamo
per ritornare:
sorridevamo al domani
come bimbi tranquilli.
(L’allodola)

La poesia diventa una lirica straordinaria nonché la sublimazione di un amore impossibile.
A Roma Cervi instaurerà con la sua amata, uno scambio epistolare che si protrarrà fino al 1934.
« Navighiamo a incontrarci» , scrive Antonia in una poesia del 1933 che ha come titolo Ricongiungimento.

Se io capissi
quel che vuole dire
– non vederti più –
credo che la mia vita
qui – finirebbe.

Tuttavia essi non si riuniranno mai più e il trasferimento del docente a Roma, segnerà la fine della loro relazione.
All’inizio degli anni trenta, Antonia si iscrive alla facoltà di lettere della Statale di Milano dove frequenta assiduamente le lezioni di filosofia di Antonio Banfi, entrando nella cerchia dei cosiddetti “banfiani”; è un ambiente culturalmente vivo e stimolante ma che la Pozzi non sente adatto a lei, donna e poetessa sensibile, al punto che un giorno si sente consigliare da Banfi di passare al romanzo storico e da Paci di «scrivere il meno possibile.» Intanto il seme del fascismo sta furiosamente germogliando e le serate alla Scala con sua madre sono oramai un lontano ricordo, giorni in cui la musica penetrava profondamente nel suo cuore e alla stregua delle sue adorate parole, attraversava i meandri della sua anima. Sono memorie lontane, appartenute a un passato cancellato dal dramma dei giorni che scorrevano sul calendario; si celebra la malvagia lussuria della guerra che permea ogni cosa.
Antonia che ha sempre snobbato i salotti borghesi, si ritira tra gli amati monti e scrive le sue poesie più belle. Nella natura selvaggia, tra rocce e gli amati nevai, a cui dedicherà una lirica struggente, Antonia cerca quella bramata pace che metta a tacere il suo tormento interiore e faccia da elemento conciliatore tra lei e il mondo. Antonia tenta di pacificare il suo tormento, instaurando un dialogo tra se stessa e il mondo, respirando le sue ferite nell’aria rarefatta delle cime innevate.

Io sognai nella neve di un’immensa
città di fiori
sepolta –
io fui sui monti
come un irto fiore –
e guardavo le rocce,
gli alti scogli
per i mari del vento –
e cantavo fra me di una remota
estate, che coi suoi amari
rododendri
m’avvampava nel sangue –
(Nevai, 1934)

La montagna è la vita e le parole di Antonia celebrano perfettamente questo suo sentire, un forte legame, un attaccamento unico alla terra. Radici forti che diventano umane, come le emozioni di Antonia che le descrive e da esse si fa prendere e condurre per mano, fino alla vetta più alta.
Lo spirito si esalta fino a entrare in una profonda comunione spirituale con la bellezza dei luoghi che la circondano.
Ma è anche una natura che le fa sentire intensamente gli umani limiti. Antonia vive con disagio la situazione politica e sociale del suo tempo, il cui clima sempre più cupo sembra influenzare progressivamente anche il suo stato d’animo e il suo sguardo sulla vita. Le parole non possono più salvarla e non colmano il vuoto e la malinconia. È una spaccatura troppo netta tra il mondo là fuori, in cui imperversa la guerra e quello che si agita nel suo cuore.

Signore, tu lo vedi
ch’io non ho occhi più
per i tuoi cieli, per le nuvole tue
consolatrici
(Preghiera, 1934)

Pochi mesi prima del suicidio, scrive all’amica Elvira Gandini senza nascondere la sua disillusione, l’incertezza del futuro, la strada in salita: una grande strada bianca. Si sente oramai senza radici:

Anch’io non ho radici
che leghino la mia
vita – alla terra –
anch’io cresco dal fondo
di un lago – colmo
di pianto.
(Ninfee, 1937)

La sua è una corazza vulnerabile che lascia intravedere la sua disperazione mortale, di cui parlerà nel suo biglietto d’addio il 3 dicembre del 1938. La neve riveste di bianco la campagna intorno all’abbazia di Chiaravalle. Antonia abbandona la bicicletta e si siede a pochi metri da una roggia; ha con sé un barattolo di barbiturici che ingoia con una sola sorsata d’acqua e poi si sdraia sulla neve. La trovano ancora viva, ma muore poche ore dopo, ufficialmente per «polmonite», dirà suo padre, che tenterà a lungo di coprire lo scandalo del suicidio, attribuendo la sua scomparsa a una polmonite ed evitando di far trapelare per molto tempo le sue opere, oggi per fortuna quasi tutte edite.

Esita l’ultima luce
fra le dita congiunte dei pioppi –
l’ombra trema di freddo e d’attesa
dietro di noi
e lenta muove intorno le braccia
per farci più soli –
(Presagio, novembre 1930)

Ad Antonia Pozzi è stato dedicato un film nel 2009 Poesia che mi guardi, della regista Marina Spada, impreziosito da immagini d’epoca della Pozzi tratte dai filmati di famiglia.
La Pozzi è sepolta nel piccolo cimitero di Pasturo.

Nell’immagine, uno scatto tratto dal film “Antonia”

Annunci

Pubblicato 21 gennaio 2019 da Eufemia Griffo in Antonia Pozzi, articoli, premi, Premiazioni, Senza categoria

La stanza di Erato, concorso letterario, Genova, gennaio 2019. Seconda classificata nella sezione poesia, menzione di merito nella sezione haiku   Leave a comment

Il 5 gennaio si è svolta a Genova la cerimonia di premiazione del concorso letterario La stanza di Erato. Mi sono stati assegnati due premi: seconda classificata nella sezione poesia (sono state premiate cinque mie liriche a tema classico ispirate all’uomo e al mare), segnalazione di merito nella sezione haiku. Non ho potuto presenziare, ma ringrazio Laila Cresta, scrittrice e organizzatrice del premio e la qualificatissima giuria, composta da esperti del settore, tra cui Pasquale Asprea per la sezione haiku. Complimenti a tutti. LA GIURIA DI ERATO Prof.sa Maristella Angeli, artista Pasquale Asprea, poeta Prof.sa M. Grazia Bertora, latinista Prof.sa Giuseppina Lucia Capodici, linguista Dott. Antonio Figari, Associazione Culturale Giano Elisabetta Magri, poesie in genovese e short story Prof. Leonardo Paganelli, studioso di lingue medio-orientali (UNIGE) Dott.sa Fuyung Won.

Appena arriveranno, pubblicherò le immagini dei premi e a seguire, nei prossimi giorni, le poesie vincitrici.

 

anto

Pubblicato 20 gennaio 2019 da Eufemia Griffo in La stanza di Erato, premi, Premiazioni

I vecchi giorni   Leave a comment

Visto che domani la giornata sarà dedicata al mio libro, pubblico per la prima volta la poesia vincitrice del concorso “Castagne, streghe e dintorni”, Cernobbio Ottobre 2018. Le immagini si ispirano a fatti e personaggi tratti dal mio romanzo, “Sagome di carta. Le streghe di Triora”.

vecchi g

Seduta accanto al fuoco
rivedo tra le fiamme i vecchi giorni
mia madre che tesseva quei fili
luminosi di sole e d’amore
tra le stanche dita annodate di dolore

Mi pettinava i capelli e con i fiori,
i piccoli non ti scordar di me,
intrecciava ghirlande
e le poneva sul capo, di me bambina
di quella che ero, un tempo, una volta

I vecchi raccontano ancora
di quel giorno funesto,
lei era al fiume, le mani nell’acqua
tra le onde colorate di cielo
e cantava un’antica ninna nanna

La portarono via, la strega
la donna da ardere al fuoco,
lo stesso colore
dei nostri tramonti
quando d’estate incendiano i cieli

Mia madre perduta per sempre
nell’oblio del sole
quando tutto brucia tra le sue fiamme
mentre le acque attendono ancora
il suo ultimo canto

Eufemia Griffo

poesia prima classificata al concorso letterario “Castagne, streghe e dintorni”, Rovenna Ottobre 2018. Poesia liberamente ispirata al mio romanzo “Sagome di carta. Le streghe di Triora” ,

Eufemia Griffo, La stanza di Erato, concorso di poesia e haiku. Menzione di merito per un mio haiku   Leave a comment

Memorie di una Geisha, multiblog internazionale di HAIKU di ispirazione giapponese

et

giardini in fiore-
il fango sulle scarpe
di questo inverno

Eufemia Griffo

View original post

Pubblicato 11 gennaio 2019 da Eufemia Griffo in haiku, premi, Premiazioni, Senza categoria

Il silenzio e la neve, poesia prima classificata premio Doscar, dicembre 2018

Questa è la poesia che il 15 dicembre si è aggiudicata il primo premio Doscar 2018.
~
Il silenzio e la neve
(a tutti coloro che non ricordano più)

48971499_2179044485473955_1008910954819223552_n

Aveva il colore della neve
e del suo silenzio.
Soffiava un vento ostile
a trascinare via le foglie
e il lento scricchiolio
dei passi stanchi.

Rincorrevo i ricordi
lungo i rami delle memorie,
intrecciate tra loro
come piccole ghirlande,
senza fiori.
A entrarci dentro,
anche io sfiorivo poco a poco
respirando lo stesso silenzio
della neve e del suo triste oblio
~

Eufemia Griffo 

Pubblicato 28 dicembre 2018 da Eufemia Griffo in Poesia, premi, Premiazioni, Premio Doscar, Senza categoria

I vecchi giorni, poesia prima classificata al concorso letterario “Castagne, streghe e dintorni”, Rovenna Ottobre 2018

I vecchi giorni

i vecchig
Seduta accanto al fuoco
rivedo tra le fiamme i vecchi giorni
mia madre che tesseva quei fili
luminosi di sole e d’amore
tra le stanche dita annodate di dolore

Mi pettinava i capelli e con i fiori,
i piccoli non ti scordar di me,
intrecciava ghirlande
e le poneva sul capo, di me bambina
di quella che ero, un tempo, una volta

I vecchi raccontano ancora
di quel giorno funesto,
lei era al fiume, le mani nell’acqua
tra le onde colorate di cielo
e cantava un’antica ninna nanna

La portarono via, la strega
la donna da ardere al fuoco,
lo stesso colore
dei nostri tramonti
quando d’estate incendiano i cieli

Mia madre perduta per sempre
nell’oblio del sole
quando tutto brucia tra le sue fiamme
mentre le acque attendono ancora
il suo ultimo canto

Eufemia Griffo 

poesia prima classificata al concorso letterario “Castagne, streghe e dintorni”, Rovenna Ottobre 2018. Poesia liberamente ispirata al mio romanzo “Sagome di carta. Le streghe di Triora” , Le Mezzelane casa ed. 2018

vecchiii

Pubblicato 27 dicembre 2018 da Eufemia Griffo in Poesia, premi, Premiazioni, Senza categoria

Primo premio Doscar, concorso letterario di poesia – Milano, 15 dicembre 2018

Primo posto premio Doscar 2018, sezione poesia. 
Sono sinceramente sorpresa perché non me lo aspettavo, ma vinco per la seconda volta questo premio con due poesie: ” Il silenzio e la neve ” e ” Davanti al mare “. 
Nessuna targa o diploma ma cento euro da spendere in Feltrinelli. 
Nella foto il presidente Dosca dottor Szeco che mi consegna il premio.

doscar

Pubblicato 22 dicembre 2018 da Eufemia Griffo in premi, Premiazioni, Premio Doscar, Senza categoria

“Sull’altra riva. Dante e Virgilio tra i dannati”. La mia lirica, primo premio, concorso letterario “Il modernismo “, 21 ottobre 2018.

44672340_2086695014708903_6391190530797076480_n

Come un tramonto di fuoco
il cielo si colora di sangue
e si tinge di lacrime, dannate
ruscelli silenziosi di ombre
che furono uomini

Sta curvo il mio maestro
dall’aspetto di un antico dio
assiso sul trono d’argento,
ma è tempo di lasciare le memorie
al fiume infernale e alle sue onde

Orde di ragni neri
tessono tele di tenebre
prigioni d’incubi e d’illusioni.
Lo specchio si frantuma e cela
il regno di cenere e fiamme

Dentro l’oscurità, piccole fiammelle.
Paiono stelle splendenti
nel buio che tutto divora
a ricordare la luce
e il suo eterno bagliore

Sull’altra riva scorgo ancora
il profilo di un fiore, lontano
sognato e azzurro come il cielo.
In questo nulla di cenere
rimane solo un sogno di sole
~
Eufemia Griffo

Pubblicato 26 ottobre 2018 da Eufemia Griffo in Poesia, premi, Premiazioni, Senza categoria

I vecchi giorni, primo premio concorso letterario “Castagne, streghe e dintorni”. Cernobbio, 6 ottobre 2018

44475037_243411956333601_9118409199418605568_n

I vecchi giorni

Seduta accanto al fuoco
rivedo tra le fiamme i vecchi giorni
mia madre che tesseva quei fili
luminosi di sole e d’amore
tra le stanche dita annodate di dolore

Mi pettinava i capelli e con i fiori,
i piccoli non ti scordar di me,
intrecciava ghirlande
e le poneva sul capo, di me bambina
di quella che ero, un tempo, una volta

I vecchi raccontano ancora
di quel giorno funesto,
lei era al fiume, le mani nell’acqua
tra le onde colorate di cielo
e cantava un’antica ninna nanna

La portarono via, la strega
la donna da ardere al fuoco,
lo stesso colore
dei nostri tramonti
quando d’estate incendiano i cieli

Mia madre perduta per sempre
nell’oblio del sole
quando tutto brucia tra le sue fiamme
mentre le acque attendono ancora
il suo ultimo canto

*
Eufemia Griffo, primo premio di poesia “Castagne, streghe e dintorni”. Cernobbio 6 ottobre 2018

Poesia ispirata alle streghe di Triora. 

pr

Pubblicato 19 ottobre 2018 da Eufemia Griffo in Poesia, premi, Premiazioni, Senza categoria

Taggato con

Così muore il mio tempo – Premio letterario Brontë. La seconda poesia inclusa nell’antologia dedicata alla vita e alle opere di Emily Brontë.

36725171_1930921526952920_2703254816989118464_n

M’addormentai
sul bianco mantello
screziato di neve
tra gli ultimi bagliori
d’una notte di dicembre

Là dove un tempo
c’erano foglie
deposi tutti i miei sogni
e li affidai al gelido vento
che soffiava nella brughiera

Così muore il mio tempo
nell’infinita attesa
che spezza il cuore,
finché viene l’oblio
e poi la triste morte
~

Eufemia Griffo

Della sua ultima neve (le ultime ore di Emily, in un freddo giorno di dicembre) – Premio letterario Brontë. Una delle due poesie incluse nell’antologia.

36648259_1929396840438722_6794689295073411072_n

Malinconico
è il sentiero percorso
nei meandri del tempo,
fragile come neve
caduta sulle sue piccole mani.

Sui capelli di Emily
cade un fiore di neve,
una minuscola gemma 
di ghiaccio e di cielo.

Nell’antico reame 
di nebbie fatue,
dondola una lanterna 
mossa dal vento
e dal lieve sussurro
della sua ultima neve.

Possano i suoi occhi spenti 
coglierne il tenue bagliore, 
perduto per sempre
nel ghiaccio perenne.

Eufemia Griffo

Brontëana VII, premio letterario dedicato a Charlotte Brontë

Molto onorata di fare parte con due mie liriche nell’antologia Brontëana VII, edizione speciale per il bicentenario della nascita di Emily Brontë, organizzato dalla professoressa Maddalena De Leo, referente della sezione italiana Brontë Society. Ringrazio tantissimo la professoressa De Leo per aver incluso le mie due poesie, ” Della sua ultima neve” e ” Così muore il mio tempo” che pubblicherò nei prossimi giorni.

 

36535954_1925722274139512_5670076431015608320_n

La Luna e il vigneto – Segnalazione di merito per tre miei haiku (Tema: una gita in collina)

ww

Pubblicato 28 giugno 2018 da Eufemia Griffo in concorsi, haiku, premi, Premiazioni, Senza categoria

Lampi di poesia, concorso letterario: Torino 16 giugno 2018

Premiazione Lampi di poesia

Concorso di poesia e haiku ‘ Lampi di poesia’ dell’ associazione torinese Monginevro. Ricevo il diploma e il premio per i miei quattro haiku: due segnalazioni di merito e due pubblicazioni per dignità di stampa. Tutti e quattro sono stati pubblicati in antologia.
Ringrazio la giuria del premio e il presidente Sergio Donna.

haiku vinc

Pubblicato 22 giugno 2018 da Eufemia Griffo in haiku, premi, Premiazioni, Senza categoria

Contorni imperfetti, terzo posto concorso letterario “Enrichetta Galli”

f10388ad708b23b6a918584b53ea28a7

Contorni imperfetti
(ai malati di Alzheimer)

Prendimi silenzio,
tra i rumori del giorno
che s’addormenta,
assopito tra sprazzi
di nuvole in viaggio

Prendimi cielo,
velato di blu e indaco
e fogli bianchi,
un dipinto delle ore
dai contorni perfetti

Prendimi fiume,
nella tua profondità
di abissi verdi
accogli benevolo
il mio silenzioso addio

Ho dimenticato il mare
i suoi colori
e i suoni di conchiglie,
ho dimenticato le stagioni,
gli alberi in fiore
e il lento scorrere
della pioggia

Il tempo si è cancellato,
come le orme sulla neve
mescolate in un universo
tutto bianco
dai contorni imperfetti

*
Eufemia Griffo

Pubblicato 21 giugno 2018 da Eufemia Griffo in Poesia, premi, Premiazioni, Senza categoria

My Haiku Pond, June 6th, Quickie Writing Challenge : I receive the honorable mention for one haiku of mine.

MHP Academy – June 6th, Quickie Writing Challenge – CONTEST RESULTS! My haiku receive the honorable mention. Thank you so much to Brendon Kent and Michael Smeer, the judges of this competition. Here’s my poem:

9a930cd1b5d69799df4df8df720a3d4d

 

empty shells
forgotten names 
on the shore

35333141_1898994923478914_1235998167955144704_n

Premio letterario Enrichetta Galli: ricevo il terzo premio per la poesia “Contorni imperfetti”.

Concorso letterario Enrichetta Galli: sul podio, terza classificata, con la poesia ” Contorni imperfetti”.
Nella meravigliosa cornice del Parco Farina a Settimo Milanese, ricevo il premio dal sindaco Sara Sant’Agostino.
Ho ritirato anche il premio del poeta Davide Rocco Colacrai dando voce alla sua poesia ” La rivoluzione di mio padre”. Ho letto con commozione sia la mia lirica, sia la sua. Congratulazioni mio caro amico, è stato un onore e un piacere rappresentarti. Infine ringrazio gli organizzatori del premio la giuria composta da docenti, dirigenti scolastici e poeti.

34398676_1884312001613873_7560531330304311296_n

34366315_1884343288277411_51083744018169856_n

Pubblicato 3 giugno 2018 da Eufemia Griffo in concorsi, Poesia, premi, Premiazioni, Senza categoria

Giappone svelato, edizione 2017. Raccolta di haiku a cura di Carmen Rucci

Giappone svelato, edizione 2017. Raccolta di haiku a cura di Carmen Rucci, il libro che raccoglie gli haiku vincitori e menzionati del concorso del 2017 di cui sono stata la vincitrice.
Un lavoro curatissimo ed elegante di cui ringrazio Carmen e Annamaria Sebastiani,.

 

31239549_1845606922151048_4531411709570580480_n

pioggia di marzo
le stelle si specchiano
in una foglia
~


Eufemia Griffo

– primo premio Giappone svelato ed. 2017

Word haiku review, 10th anniversary issue March 2018, Honourable Mention Haiku neo classical

onde

endless waves
come and go
come and go

*

Eufemia Griffo 

( Honourable Mention Haiku neo classical)

La stanza di Erato, concorso haiku Gennaio 2018 – Terza classificata

Collage

Pubblicato 11 marzo 2018 da Eufemia Griffo in concorsi, haiku, premi, Premiazioni, Senza categoria