Archivio per la categoria ‘Recensione libri

La recensione al mio libro “Il fiume scorre ancora” da parte di una lettrice.   Leave a comment

306bf0cf7ce8bd2fcb19f52abee9f9c1

Che dire? L’ho preso titubante, carezzando le belle immagini della copertina; ad acuire la mia già ben sviluppata curiosità, l’efficacissima prefazione e prima ancora l’omaggio alla Dickinson. Un bacio affettuoso sull’amorevole dedica che hai voluto donarci e… via! Di racconto in racconto, di lacrima in lacrima, il languore ed il dolore che diventavano reali fuori dalle pagine e si impossessavano del mio spirito. Quelle donne che penetravano la mia anima fino a far dolere il mio corpo col loro. Quei fanciulli che si fondevano con l’immagine dei miei. Ah! Quanto ho pianto al ricordo dell’insensato quanto crudele massacro dei nativi americani, come già da ragazzina infinite volte ascoltando De Andrè con la sua Fiume Sand Creek! Quanto ho sentito fin nelle ossa la disperazione profonda tanto da farti desiderare la morte delle donne abusate, dilaniate che dipingi… del resto, chi di noi non è stata in qualche modo abusata da questo mondo che ci forza in ruoli dai margini taglienti, dalla vita maestra spietata o, ancora, da noi stesse?
E che dolcezza sulla pelle dai sensi riattivati, il profumo ora del bosco, ora del mare, ora del deserto.
E poi, la fine. Inconcepibile con questa sete ancora accesa, le mani e gli occhi a cercare ancora una pagina che non c’è. Un solo pensiero: ancora! Due ore sulle ali del sogno. A quando il prossimo? E nel frattempo, ogni racconto da riprendere, questa volta a piccoli sorsi pazienti, senza la cupidigia della prima lettura.
Grazie, cara che mi onoro di chiamare Amica.
Con affetto ed ammirazione
Manuela

Annunci

Pubblicato 11 maggio 2017 da Eufemia Griffo in Libri, racconti, Recensione libri, Senza categoria

“Di nuvole e lontananza”, mia recensione alla silloge di Gaia Rossella Sain   3 comments

libro

“Di nuvole e lontananza”,
di Gaia Rossella Sain

Ho sempre amato la poesia di Gaia Rossella Sain. Per molti motivi, ma soprattutto per uno in particolare. Per le emozioni che sanno trasmettere le sue parole, scelte con cura, con rispetto, evocative e infine potenti dal punto di vista espressivo.
Parole che ti prendono per mano e ti fanno scendere fin dentro al cuore della poetessa, nella sua anima che si dischiude al pari di un fiore, pronta per essere “accarezzata” dal lettore.
“Di nuvole e lontananza” la silloge della Sain, è immersione nella bella poesia, raffinata e contemplativa. Si entra nei suoi versi e nei suoi vissuti a piccoli passi, affrontando la lettura lentamente e assaporando ogni parola che dipinge il verso. Pennellate di Poesia, che conducono il lettore a provare differenti sensazioni che come un raggio di sole ti sfiorano.
Ci sono i ricordi nelle poesie di Gaia, memorie del passato che fluiscono attraverso lo scorrere del tempo a cui “daremo la colpa” (parafrasando l’intensa lirica di esordio “Daremo al tempo la colpa”). C’è l’omaggio alla sua terra, quel Friuli che la Sain celebra in “Castagne”, nella poesia ” Mele” e in “Dell’abitudine” là dove scrive:

“E nell’Isonzo
scorro –
nel fango di rivi lenti”.

E infine ci sono un addio e una partenza, che chiudono il cerchio e che nella poesia “Incipit di un addio”, palesano il senso più intimo di questa raccolta:

“Ma tu non sei tornato.
E io,
io sono rimasta”.

E’ nell’addio che inizia quel nuovo percorso che è la Vita stessa, fatta di memorie, ricordi, saluti senza ritorno, di momenti in cui l’essenza di sé soccombe e la solitudine prende lo spazio della speranza.
“La paura di toccare” come scrive la Sain in “Per non farsi male”, la paura di perdersi. Alla fine, le parole diventano “Epigrafe di due” e Gaia conclude il suo percorso poetico scrivendo versi essenziali, ermetici, senza fronzoli:

“Siamo
per essere due
nell’ora che viene la sera”.

Benché giovanissima, ciò che colpisce di questa scrittrice, è il suo linguaggio maturo, ricco di vocaboli scelti con cura e sapienza, capaci di cesellare il verso conferendogli una struttura unica e affascinante. A Gaia l’augurio che la sua Vita artistica sia piena di soddisfazioni e momenti ricchi di Arte e Poesia.

Eufemia Griffo

*

Gaia Rossella Sain, classe 1987, nasce e cresce in Friuli Venezia Giulia. Da anni impegnata nella ristorazione, oggi lavora al resort “La Subida” di Cormons, nel cuore del Collio.scp
I suoi primi testi poetici vengono inseriti nel 2014 nell’antologia “Cervo Bianco” curata da Fabrizio Corselli, alla quale fanno seguito segnalazioni e premi a concorsi nazionali, letture e reading di poesia.
Oltre alla poesia si dedica allo haikai, la scrittura di haiku: viene selezionata fra gli autori della collana Hanami (Edizioni della Sera) per i volumi Primavera (2015) e Estate (2016).
Fra gli altri progetti, nel 2015 combina l’arte dello haiku a quella della fotografia in una mostra itinerante dal titolo “Istanti”.
“Di Nuvole e Lontananza” (ed. Culturaglobale 2016) è la sua prima raccolta poetica.

Pubblicato 4 febbraio 2017 da Eufemia Griffo in Recensione libri, Senza categoria

Recensione al libro “Avrò cura di te” di Chiara Gamberale e Massimo Gramellini   Leave a comment

71qMwCzQDeL

Da giorni ho terminato il libro “Avrò cura di te” di Gamberale e Gramellini e me ne sono separata con malinconia, come quando si lascia una persona che ci è tanto cara e che per un breve tratto della nostra vita ha camminato con noi.
La trama la conoscete un po’ tutti, il web ne è pieno, ma quel che colpisce in questo quattro mani, è la coralità dell’opera che rende armoniosa la struttura del libro, pur nella differenza di stile di Chiara e di Massimo, ben riconoscibili. Ho amato moltissimo la figura di Filemone, l’angelo, che ha la voce ed il cuore di Massimo Gramellini il quale scrive pagine di immensa Poesia. Tutti dovremmo fare nostre le parole di questo angelo così pieno di Amore e dico Amore con A maiuscola, che guida Giò la protagonista, attraverso i declivi del cuore e della Vita.
Per concludere Vi copio incollo questo passaggio assai intenso, ma credetemi, sono moltissimi i brani che meritano e che rimangono nella memoria.
“Amarsi è l’opera d’arte di due architetti dilettanti di nome Io che, sbagliando e correggendosi a vicenda, imparano a realizzare un progetto che prima non esisteva. Noi.”.

Pubblicato 1 luglio 2015 da Eufemia Griffo in Recensione libri