Archivio per la categoria ‘Writers

Fiori di Sakura, un mio racconto pubblicato sul numero 12 della rivista Writers (liberamente ispirato al film di Kurosawa “Rapsodia in agosto”).

c2686bb58602ea6c4ec50e0ae2f3e4d4

Keiko fissava i fiori di sakura* posti sulla tomba di mia nonna.
Ogni anno, il 6 di agosto molte persone che l’avevano conosciuta, venivano a lasciare preghiere e fiori di ciliegio.
Ci eravamo viste anni prima a casa di mia madre durante le celebrazioni del rito funebre e ora, a distanza di sei anni, mi trovavo davanti a lei come se il tempo non avesse mai cessato di scorrere.
Da piccole eravamo amiche inseparabili fin quando Keiko si era trasferita ad Osaka per studiare legge.
Mentre la guardavo mi venivano in mente giornate di primavera, noi due a caccia di farfalle per ammirarne i colori variopinti; eravamo formidabili nell’appostarci in mezzo ai fiori di ciliegio, senza muoverci e stare minuti interi a nutrirci di quelle immagini meravigliose.
Di sera, sedute sullo zabuton, ascoltavamo la voce di mia nonna che sussurrava storie di anni prima, racconti di guerra e di dolore. La nonna guardava il cielo quasi come volesse scorgerci ancora qualcosa che non era mai andato via, «i ricordi del fuoco», li chiamava lei. Ci raccontava di una mattina d’agosto, una come tante, quando il sole si chiamava sole e i raggi avevano l’oro dei girasoli. Il cielo era diventato di uno strano colore, spaventoso, indescrivibile, orrendo. Poi la nonna si fermava e con la mano destra si copriva gli occhi e ritornava ai suoi pensieri.
A pranzo, una zuppa di riso e un bicchiere di tè erano il nostro pasto; mangiavamo in fretta e contavamo i sorsi di saké che la nonna beveva, frettolose di terminare il pasto e immergerci in nuovi giochi.
Quelle eravamo noi quando le ore erano scandite solo dai pensieri dei bambini.

Ora, davanti a me, vedevo quella bambina nel volto di una sconosciuta, di cui sapevo solo il nome e di cui ammiravo i costosi abiti che ne fasciavano il corpo.
Per un attimo avevo pensato di tendere le mani e di stringere le sue, ma non ne avevo più il coraggio.
Keiko mi guardò e mi fece un inchino, poi si fletté sulle ginocchia e raccolse un fiore di sakura porgendomelo tra le mani e sorrise. 
Gli occhi fissarono i miei e per un istante ebbi la presunzione di credere che stessero ripercorrendo le mie stesse immagini. Una farfalla si appoggiò sui fiori e attirò il nostro sguardo: immerse nello stesso ricordo di anni addietro, quando eravamo le bambine che vedo nei miei ricordi, sorridemmo entrambe.
Poi la vidi congiungere le mani e guardare la foto di mia nonna, di profilo, in silenzio. 
Questa è l’ultima immagine che conservo di lei.

* I sakura blossom sono i fiori di ciliegio
*

Annunci

Pubblicato 23 maggio 2018 da Eufemia Griffo in racconti, Senza categoria, Writers

Fotografie – Writers 13, 2017

thumbnail_974056cba457c1931063740d356fa426

Passi di notte, nell’antica città che dorme. Luci sull’acqua, immota e silenziosa, sembrano specchi che rubano l’anima ai ricordi. Un flash ne immortala l’istante.
E poi ancora passi. Un uomo e una donna, mano nella mano, innamorati di un istante che sembra loro eterno. La vita che inizia ora, e fuori chiusi a chiave, gli scheletri degli anni che se ne sono andati via, portando con loro mestizia e dolore.
Ascoltano i rumori lievi delle onde del mare,che una dopo l’altra vengono cullate dal vento di ottobre.
Una cattedrale nascosta dietro al vicolo si innalza possente rivelando un passato antico e la maestosità delle guglie, su cui la luna sembra riflettere i pochi raggi lucenti, velati dalle nuvole in cielo.
Quanto tempo è passato da quel giorno?
Mille anni.
Mille anni riemergono come fantasmi al suono di una musica di pianoforte in un giorno caldo d’estate.

**

La donna si alzò ad afferrare un album di fotografie e rivide quel giorno, fisso nella memoria, come i fiori nei campi d’estate e le nuvole bianche nel cielo prima della tempesta.
Si scoprì a sorridere, mentre ricordava se stessa sulla vecchia collina dove si vedeva il mare di Honfleur e il porto, con le barche ormeggiate; e poi le querce di quel bosco immenso e lei, seduta sull’erba a soffiare tra le mani le foglie d’autunno.
Erano immagini di un passato remoto? Era mai esistito quel tempo?

Se ne sono mai andati i ricordi?

Sfogliò l’album e ritrovò la foto di cui maggiormente serbava il ricordo; uno scatto a dire il vero tutt’altro che perfetto, ma nel fiume degli anni quell’immagine, più di tutte, era destinata a ricondurla indietro nel tempo.

Si possono raggomitolare gli anni?

La cattedrale di Honfleur, con le sue guglie aguzze che parevano trafiggere la luna e squarciare, come una lama di coltello, il velo nero della notte. Quella visione le aveva trasmesso una strana sensazione di inquietudine, a tratti indefinibile, che lei aveva interpretato come quel sentirsi fragili innanzi al mistero del tempo che scorre e alla grandezza degli uomini che secoli prima erano stati capaci di innalzare fino al cielo, un monumento magnifico come quello.

Il passato e il presente sembravano accavallarsi e non esistevano più confini tra ciò che era stata e quello che lo spazio della memoria ancora sembrava concederle.
Tuttavia il tempo l’aveva cambiata e infinite notti si erano susseguite a mille giorni solo apparentemente tutti uguali. I ricordi di quegli anni erano diventati uno scrigno prezioso da conservare e ogni pezzo in esso riposto aveva un immenso valore. Ogni minuscolo cristallo di memoria l’avevano condotta a ciò che era oggi.
Quanto tempo era passato da quel giorno?
Era forse ieri?
Christine chiuse il suo album di ricordi e rivedendo se stessa un’ultima volta, così come era allora, decise che era tempo di andare avanti e di crescere ancora un poco, ma senza dimenticare il passato, che come un fiume, ancora lambiva il suo sangue, il suo respiro, tutta la sua vita.

***

Eufemia Griffo, Writers 13 2017

Nella foto una scorcio di Honfleur di notte – Foto tratta dal web

Pubblicato 17 maggio 2018 da Eufemia Griffo in racconti, Writers

La danza del Sole e della Luna, un mio racconto

 

32592885_1866482083396865_7803659992887721984_n

« Verrò presto» , disse il Sole inciampando nelle stelle sospese nel cielo d’ estate.
« Verrò presto» ripeté, attraversando le nuvole sospinte dal vento, nel silenzio irreale in un giorno d’ autunno. Il tempo scorreva e le foglie, nello sguardo del Sole, sbiadirono nel gelo dei cristalli in inverno. « Verrò presto», ripeté nuovamente, mentre i raggi sfioravano la neve sotto il cui manto le prime gemme annunciavano la primavera. Dopo un lungo viaggio, il Sole giunse infine tra le braccia della Luna, che lo attendeva nel tempo eterno delle stagioni che scorrevano veloci, vestita di cielo e del blu della notte. A ogni primavera e soltanto per una notte, Sole e Luna intrecciavano i loro raggi luminosi e iniziavano a danzare in un eterno abbraccio, fatto di stelle, nubi, foglie d’autunno, cristalli di neve e gemme in fiore, in un tempo infinito, impetuoso come un fiume che scorre ma armonico, come un’antica melodia la cui ultima nota ancora non è stata scritta. Quando la danza terminava, essi tornavano nelle loro dimore, separati dalle tenebre e da scie luminose, in attesa che ancora una volta e per una volta soltanto, potessero nuovamente ricongiungersi per risplendere insieme come in una notte d’estate.

 

beyond dreaming cliffs *
sun and moon dance 
in the open sea

(Haiku di Andy McLellan)

Eufemia Griffo

sognando oltre le scogliere
il sole e la luna danzano
nel mare aperto

(translation into italian by Eufemia Griffo)

Pubblicato 16 maggio 2018 da Eufemia Griffo in racconti, Senza categoria, Writers

Itaca – Writers, 9 2016

thumbnail_itaca

Viaggiare che passione! Quante volte abbiamo letto o sentito questa frase? Non importa a quale latitudine del mondo e in quale lingua essa si pronunci, ma quel che ci accomuna è l’amore per il viaggio, quel voler scoprire oltre, quel volere andare al di là del posto in cui abitiamo e in cui siamo abituati a vivere la nostra vita. Sognare ad occhi aperti immaginandoci novelli Marco Polo alla ricerca di posti straordinari che abbiamo percorso mille volte con la fantasia, o volando come Peter Pan alla ricerca dell’Isola che non c’è.

Viaggiamo con la fantasia, in sella sulla bicicletta, camminando su sentieri sconnessi o strade lastricate tutte in discesa. A volte facciamo i viaggi nella memoria con un sacco di fermate dove raccogliamo speranze dimenticate o semplici fiori di piccole emozioni; qualche volta invece ci capita di fare un viaggio nel futuro, trovandoci tra un mare di stelle dove diventa difficile scorgere la direzione da prendere. E così ci spaventiamo di quel cielo così confuso e ridiscendiamo a terra impauriti in questo presente che nel bene o nel male ci appartiene.
« Quando ti metterai in viaggio per Itaca – devi augurarti che la strada sia lunga – fertile in avventure e in esperienze..» dice nella celebre lirica “Itaca” il poeta greco Costantinos Kavafis. Egli aggiunge che non devi avere paura né trasportare i timori dentro l’anima, augurandoti che siano moltissimi i mattini d’estate. È Itaca che devi avere in mente, la meta da raggiungere senza fretta ricordando gli aromi e i profumi incontrati nel viaggio perché senza Itaca non ti saresti mai messo in viaggio.

Infine quando vi arriverai, « se la troverai povera non per questo ti avrà deluso » , perché questo viaggio ti avrà regalato un bagaglio di esperienza che mai avresti avuto se non ci fosse stata l’isola che diede i natali a Ulisse.

Itaca non è che una metafora della vita e dell’esistenza, è il sogno che tutti dobbiamo avere ed è la meta verso la quale tutti dobbiamo ritornare, come Ulisse, che dopo infiniti viaggi ritornò nella sua terra.

Non importa il viaggio o la meta, ma come li affronti, come li vivi, con quale stato d’animo respiri ogni singolo giorno che ti accompagna. È vivere la vita ogni attimo e ogni secondo e questo infine è il vero senso dell’esistenza, ovvero non avere vissuto invano.

Eufemia Griffo, Writers 9 2016

Pubblicato 15 maggio 2018 da Eufemia Griffo in racconti, Senza categoria, Writers

Katherine e il custode del re inverno – Writers, Marzo 2018

” Katherine e il custode del re inverno”, un mio racconto pubblicato sulla rivista letteraria Writers, diretta da Elena Brilly e appena pubblicata. In questo racconto ho preso a prestito il personaggio di Hercules Poirot, inventato dal genio di Agatha Christie.
~

28279482_1786723211372753_2251567005900459639_n

Hercules Poirot strinse il ritratto della sua amata Katherine, accarezzando il vetro della cornice che da sempre custodiva l’antica bellezza della fanciulla. Hercules chiuse gli occhi e la rivide per un attimo ancora bambina, in un ritratto in cui sua madre le pettinava i lunghi capelli colore del grano. A un tratto gli occhi si fecero pesanti e l’uomo iniziò a sognare.
~

Katherine era vestita di bianco e aveva tra le mani rose bianche fatte di ghiaccio. Le due piccole mani erano rigate da rivoli di sangue e goccia dopo goccia, l’abito si macchiò di colore rubino. Essi sembravano fiori minuscoli che adornavano il suo vestito immacolato del colore della neve che scendeva copiosa dal cielo. Un vento gelido soffiò improvvisamente tra i capelli della fanciulla, tanti cristalli di ghiaccio che si depositarono tra i suoi boccoli.
Katherine era terrorizzata, aveva tanto freddo e avrebbe voluto chiamare aiuto, ma non c’era nessuno in quel luogo remoto così lontano dalla sua amata casa. Si rese conto che si trovava in un castello fatto di neve e di ghiaccio.
All’ improvviso vide per terra uno specchio e vi vide riflesso un volto: una donna non più giovane e in là con gli gli anni piangeva. Katherine riconobbe il viso della sua amata madre.
Il dolore dipinto sul suo volto era quasi palpabile, ogni parte di esso tradiva una profonda sofferenza. Perché sua madre piangeva?
All’improvviso un turbine di vento rivelò la presenza di una donna bellissima con in testa una corona. La scrutava con avidità e cattiveria e Katherine ne ebbe paura. Ella portava sulla spalla un corvo nero dal becco adunco il cui colore della notte strideva nettamente col candore del suo lungo abito.
La donna le disse: « Sai chi è quella donna che piange?» 
Katherine era sconvolta e terrorizzata e non riusciva a proferire parola. Era come se le sue labbra fosssero serrate da una mano potente che le impediva di aprire la bocca.
« Quella donna è tua madre e piange perché tu sei morta. »
« Ma io non sono morta. », rispose Katherine.
« Presto lo sarai.»
« Ma io non voglio morire.»
« E allora dovrai fare tutto ciò che ti dico e conficcare nel tuo cuore questo cuneo di ghiaccio. Solo così avrai salva la vita. »
« E se non lo facessi? »
« Morirai. Se invece diventerai una mia seguace avrai salva la vita, ma dovrai dimenticare tutti coloro che ami e diventare la custode del Re dell’Inverno, il mio amato corvo nero che ti aspetta da lungo tempo. Così come per molti anni ha atteso me, fin quando sono giunta nel suo regno di ghiaccio. È lui che mi ha insegnato tutto quello che so, soprattutto il potere sulla vita e sulla morte. »
« Io non desidero possedere questi poteri. Tu non saprai mai quali sono le cose importanti della vita.»
« E quali sarebbero? »
« L’amore, l’altruismo, la speranza.»
« Nel mio regno non c’è posto per l’ amore e le sue storie antiche» , disse il corvo nero.
« Solo magia, magia nera.», aggiunse il custode del Re Inverno mentre si staccò dalla spalla della donna dal volto bellissimo.
Katherine scosse la testa e cercò di scappare via, ma il corvo iniziò a svolazzarle sul capo
cercando di fermarla. Mentre lo faceva, il suo abito diventò completamente rosso e il suo viso tutto bianco, quasi spettrale. Katherine si immobilizzò, mentre la vita sembrava abbandonarla. Il suo volto sembrava quello di una bambola, senza espressione, senza vita, senza emozioni.
« Anche tu rimarrai per sempre bella come me, in questo istante eterno e irripetibile. », disse la donna dal volto bellissimo, mentre con sguardo trionfante la vide per terra, priva di vita.

*
Che strano sogno aveva fatto Hercules Poirot, la sua piccola amata Katherine giaceva nella neve, da sola, senza che nessuno, nemmeno lui, la cullasse tra le braccia. Avrebbe voluto scaldarle il corpo, riempirla di baci e col suo alito caldo ridarle vita. Ma lei non c’era più e come in quel sogno fatto di ghiaccio e di neve, un vento gelido la portava sempre via, lontano da lui.
Erano passati molti anni da quando Katherine era morta e nel frattempo Hercules era diventato vecchio e famoso, il celebre detective che riusciva a risolvere tutti i misteri, anche i più improbabili e a trovare sempre i colpevoli dei misfatti. Solo un mistero era rimasto irrisolto: quello della vita e della morte, su cui nemmeno lui, il signor Poirot avrebbe mai avuto nessun potere.
Lo stridulo grido di un corvo lo distolse dai suoi pensieri. Poirot si affacciò dalla grande vetrata e per un attimo gli sembrò di vedere l’immagine sbiadita della sua amata Katherine, tutta vestita di nero, mentre teneva sul braccio destro, il custode del Re Inverno che pronunciava il suo nome, da tempo dimenticato da tutti. Tranne che da lui, il famoso signor Poirot, che serbava ancora nel suo cuore, il ricordo dell’amata fanciulla che anni prima era scomparsa molto giovane.

*

Per il personaggio di Katherine, mi sono liberamente ispirata al film “Assassinio sull’Orient Express” (Murder on the Orient Express) del 2017 diretto, co-prodotto e interpretato da Kenneth Branagh e basato sull’omonimo romanzo del 1934 di Agatha Christie. Per il personaggio della donna bellissima invece mi sono liberamente ispirata alla fiaba di Hans Christian Andersen, “ La regina delle nevi”.
~
Link per scaricare la rivista:

https://drive.google.com/file/d/1S45-MNlzmX3BqrG7d_wycRtkFO9vmWlp/view

Pubblicato 1 marzo 2018 da Eufemia Griffo in racconti, Senza categoria, Writers

Writers, speciale edizione di Natale

wr

 

wr2

 

È on line la rivista Writers diretta da Elena Brilly, con i miei contributi e di altri amici scrittori.
Un numero speciale dedicato al Natale, ricco di racconti e poesie. Sono presente in questa edizione speciale con tre poesie dedicate al Natale e all’inverno.
Per il download cliccare sul link qua sotto e buona lettura a tutti.

https://drive.google.com/file/d/1709zSVyhmjKvC5fjzMQ1U9apIpODmZOq/view

Pubblicato 5 gennaio 2018 da Eufemia Griffo in Writers

Il mare in inverno – Writers, Novembre 2017

thumbnail_mare in inverno

« Ne vedo di gente che soffre un poco, ma solo un poco sai? Appena appena ma giusto quel che basta per perdere tutto sai?» , disse il vecchio Pier.
« Tu non capisci, che ne sai tu della vita? Tu che sei stato per anni un padre assente e dimenticato? Che vuoi saperne tu?», gli rispose con rabbia Adrien.
« Ne so abbastanza figlio mio. Dagli errori ho imparato che la sofferenza non è mai il prezzo equo da pagare» , aggiunse Pier.
« Finiscila! Ne ho abbastanza delle tue parole» , rispose Adrien.
« Se è quello che vuoi, la smetterò di parlare. In fondo, sì hai ragione Adrien, non ne ho il diritto, dopo tutti questi anni» .
Adrien strinse i pugni e guardò suo padre in volto. Forse avrebbe voluto sentirgli dire le parole che per anni aveva immaginato nella sua mente, desiderando che fosse proprio suo padre a sussurrargliele.
Forse avrebbe voluto stringerlo, quel vecchio padre, che ora gli stava davanti, in attesa di un perdono, col suo viso rugoso e l’anima lacerata dalle sconfitte della vita.
E il vecchio Pier disse: « Adrien, avvicinati. Io non…io non vorrei che tu mi ricordassi così Adrien. Sto elemosinando la tua pietà e un briciolo di amore. Ci sono compromessi, rimpianti, rimorsi e ferite che non si cicatrizzano, che non guariscono mai. E poi c’è l’indifferenza, quel tarlo maledetto che corrode l’anima e fa sì che dimentichiamo le persone. Ti dico semplicemente questo, ho sbagliato, mio piccolo Adrien» .

Piccolo Adrien.
Lo aveva chiamato come quella volta, era piccolo, se lo ricordava ancora. Poteva avere forse cinque o sei anni, non di più. Ricordava ancora quella vecchia casa, lassù sulla scogliera di Cherbourg, e il faro che distava a sole pochi miglia dalla finestra della sua camera, tanto che gli sembrava di poter allungare la sua manina e toccarne uella magica luce, che illuminava ogni notte il mare.
Oh sì che se lo ricordava bene!
Come quella volta che lui e suo padre, erano scesi giù alla spiaggia, una mattina, a guardare le onde del mare d’inverno mosso dal vento in tempesta. Non aveva avuto paura quel giorno, perché la sua piccola mano stringeva quella forte e grande di suo padre.
Prima che se ne andasse.
Piccolo Adrien, un altro se stesso che abitava chissà in quale tempo.
Però era bello risentire quelle parole e ricordare quei giorni.
In fondo la vita è fatta di ritorni e ora entrambi erano là, uno di fronte all’altro, con gli anni che avevano scavato un abisso nelle loro esistenze. E Pier che aspettava un perdono che solo il “piccolo” Adrien poteva dargli.
La mano del vecchio si allungò a cercare quella del figlio che ora era più forte della sua e racchiudeva tutta la giovinezza di cui Pier celava solo un mesto ricordo. Di quei giorni fuggiti via a rincorrere altre vite e altri sogni, lontano da chi ora desiderava ritrovare.
L’altra mano si mosse e strinse quella del vecchio, cercandone il calore e la sicurezza che solo le mani di chi ha vissuto molto sanno donare.
E venne quel perdono che per anni il vecchio Pier aveva cercato e Adrien, negato.
Ma si sa, la vita è fatta di ritorni e qualche volta di perdoni.
E quel giorno di fine inverno, come quello di tanti anni prima, due uomini si ritrovarono e ricominciarono a vivere.

https://writersezine.wordpress.com/2017/11/12/writers-n-14-formato-pdf/

Pubblicato 24 novembre 2017 da Eufemia Griffo in racconti, Senza categoria, Writers

Come un aquilone, un mio racconto pubblicato sul numero di novembre, della rivista Writers.

 

thumbnail_come un aquilone

Pomeriggio d’autunno, uno dei tanti lungo la Senna che fluiva incessante nel suo scorrere immutabile ed eterno.
Ne aveva viste di cose la Senna e quella sera ascoltava, come faceva da sempre, la solitudine di una donna appoggiata al ponte mentre guardava la pallida luce della luna che si specchiava nelle acque scure.
Un bateau-mouche passò e il movimento delle onde, interruppe per un attimo il flusso dei pensieri di Silvye.
La donna ripensò agli ultimi giorni della sua vita: una donna spezzata come in quel famoso romanzo di Simone de Beauvoir. Strano come quel libro che le era tanto piaciuto anni prima ora sembrava essere così perfetto per definire ciò che la sua vita le sembrava essere in quel momento. Non piangeva Silvye anche se aveva la sensazione che mille rovi le trapassassero l’anima facendole dimenticare persino il sapore delle lacrime. Ripensandoci, non riusciva nemmeno a ricordare l’ultima volta che si era sentita felice. L’uomo che aveva così tanto amato, se ne era andato via, lontano. Aveva scelto la fama e il successo e lei non se l’era sentito di lasciare la sua vita, così semplice al confronto di quella di Antoine, per seguirlo e iniziare tutto da capo. Antoine era rimasto del tutto indifferente al suo amore e a tutto quel dolore che l’aveva avvolta.
Possibile, che in tutto quel tempo, non si era mai accorta di quanto lui fosse già così lontano? L’amore può diventare così cieco al punto da ottenebrare la visione della realtà?
Appoggiò il suo viso sulle braccia quando qualcosa attirò la sua attenzione.
Un aquilone volava sulla Senna accarezzando col suo moto colorato i contorni bui della notte, librandosi nell’aria fredda di quella sera d’autunno e descrivendo col suo volo obliquo, una danza gioiosa che strideva con le mille sensazioni che Silvye portava nel cuore. La luce di un lampione ne lasciava intravedere i colori del sole.
Il suo sguardo fu così catturato dalle mille acrobazie che l’aquilone sembrava disegnare sulla volta del cielo di Parigi tanto che chiuse gli occhi e si immaginò di volare in quell’infinita vastità come l’aquilone dai colori del sole e di essere libera come lui.
Bastava lasciare il filo…e pffffff, anche Silvye sarebbe volata via, forse senza una meta e senza confini, danzando con le stelle e chiedendo alla luna di illuminare la sua anima inaridita dal buio di quei giorni.
Poi Silvye riaprì gli occhi e vide solo un fiume che da sempre sussurrava parole con la sua bella voce e che nemmeno tutti i secoli del mondo avrebbero potuto invecchiare. Quel lento ondeggiare della Senna, per un attimo la fece sentire serena e la donna riassaporò quella pace e quella serenità che le mancavano da tempo e guardando l’antico fiume, come se fosse un vecchia amico gli sussurrò: « Grazie!»
Quella sera si sentì forte abbastanza per riprendere in mano i fili della vita a e come un aquilone si immaginò di solcare i cieli e correre verso una nuova meta. Quel momento le sembrò semplicemente perfetto per varcare i cancelli della speranza e come un aquilone, si disse, doveva provare di nuovo a volare.

***

 

Eufemia Griffo – Writers, Novembre 2017

 

https://writersezine.wordpress.com/2017/11/12/writers-n-14-formato-pdf/

Pubblicato 14 novembre 2017 da Eufemia Griffo in racconti, Writers

Writers – Novembre 2017

Ė on line la rivista Writers che dedica questo numero all’indifferenza nei rapporti umani. Sono presente con due racconti ” Come un aquilone” ( pagina sei) e ” Il mare in inverno” ( pag. 12).
Un sentito ringraziamento alla direttrice del magazine Elena Brilly e complimenti a tutti gli scrittori che hanno partecipato a questo numero così ricco.

 

wr

https://drive.google.com/file/d/1J6i0_tz6pnd0DKyA9foPQRoiF-qGeimJ/view

Pubblicato 13 novembre 2017 da Eufemia Griffo in Senza categoria, Writers

‘ Affidandosi al vento e al cieco rumore del nulla’, un mio racconto pubblicato nella rivista Writers agosto 2017.

‘ Affidandosi al vento e al cieco rumore del nulla’
(storia ispirata al film “The last Mohicans”, del 1992 di Michael Mann. )

alice

Alice non era mai apparsa così bella agli occhi di Uncas, l’uomo che amava. La sua fragile bellezza rubata ad un raggio di sole, aveva ammaliato il cuore di quell’uomo che apparteneva alla Terra degli Avi e che aveva suggellato col sangue, il patto con un mondo che stava sbiadendo dietro ai colpi di carabine.
Alice era cresciuta in pochi attimi, al fiorire della primavera, come un fiore sbocciato all’improvviso all’ombra della gelida neve. Un fiore che si nutriva della luce e dell’amore che aveva incontrato nella selvaggia terra d’America. Si sentiva ancora piccola, a tratti un’infante, mentre ancora stringeva la mano di sua sorella Cora e ricordava come avvolta dalla nebbia, il profumo dei vestiti di sua madre. Per tanto tempo non aveva voluto correre e lo specchio continuava a riflettere l’immagine di un’eterna bambina.

Finché un giorno Cora le disse che sarebbero partite per l’America, in un mondo lontano e sconosciuto, affascinante e selvaggio.

Impaurita, Alice sussurrò in cuor suo “addio” alla vita perfetta che fino ad allora aveva vissuto e prese tra le piccole mani, la sua bambola Charlotte che teneva con sé fin da bambina. La vestì di tutto punto e la pettinò, annondandole il cappellino e facendo un fiocco intorno al suo viso di porcellana.

Poi guardò un’ultima volta la sua stanza e si chiuse dietro la porta e tutta la sua vita.

Ora era là davanti al precipizio, per scegliere se vivere o morire. Sotto di lei c’era il baratro e il nulla, mentre il suo amato Uncas era stato appena ucciso dallo spietato Magua. Uncas era il figlio di Chingachgook, l’ultimo della stirpe dei Mohicani. Non c’era nessun altro dopo di lui e il suo amato figlio, era stato appena ucciso in maniera spietata dal crudele capo degli Uroni.
Alice si era innamorata di lui e non aveva nemmeno potuto viverlo quell’amore, forte, impetuoso come le onde del fiume quando esso tracima e travolge ogni cosa. Quel fiume aveva spazzato via ogni cosa, tutta la sua vita precedente e lei si era scoperta capace di amare, di amare e volare libera tra le braccia forti di Uncas.

Il loro amore era stato breve, troppo breve, come una goccia di pioggia che scivola sul viso per poi solcare la pelle prima di scomparire nel nulla.

Davanti all’atroce morte di Uncas, Alice capì che non le restava altra scelta. Vivere, significava essere schiava di Magua. Morire aveva allora il gusto della libertà.

Guardando la pianura sconfinata e il cielo azzurro e limpido, si rivide un’ultima volta bambina e prese commiato da se stessa. Non aveva paura, non aveva nessun senso averne. Uncas era là ai suoi piedi, una smorfia di sorpresa e dolore impressa nel suo volto, che l’aveva guardata implorante come a chiederle “scusa”, prima di morire.

Ora era là davanti al precipizio, per scegliere se vivere o morire. Sotto di lei c’era il baratro e il nulla.

Prima che Alice lasciasse per sempre quel mondo un tempo perfetto, si accovacciò e strinse la mano di Uncas. In quel gesto così semplice, rimase impigliato per un attimo, quel che gli uomini cercano e non trovano, l’Amore Eterno. Fu solo un attimo e poi Alice scivolò nell’abisso, affidandosi al vento e al cieco rumore del nulla.

~

Eufemia Griffo 

( nell’ immagine Alice Munro – Disegno tratto da Pinterest).

 

Clicca qua per scaricare tutta la rivista

Pubblicato 28 agosto 2017 da Eufemia Griffo in racconti, Writers