Archivio per giugno 2018

My Haiku Pond, June 6th, Quickie Writing Challenge : I receive the honorable mention for one haiku of mine.   3 comments

MHP Academy – June 6th, Quickie Writing Challenge – CONTEST RESULTS! My haiku receive the honorable mention. Thank you so much to Brendon Kent and Michael Smeer, the judges of this competition. Here’s my poem:

9a930cd1b5d69799df4df8df720a3d4d

 

empty shells
forgotten names 
on the shore

35333141_1898994923478914_1235998167955144704_n

Annunci

Haiku windows edited by Kj Munro. This week them’s: window-shop.   1 comment

One haiku of mine is featured in Haiku windows edited by Kj Munro. Thank you so much for this excellent selection. This week them’s:  window-shop.

 

5928b5fdaeb3c3e7cb2c8188f3e07c68

 

toy store window
the secret dreams
of a child

Eufemia Griffo

https://www.thehaikufoundation.org/2018/06/13/haiku-windows-window-shop/

Moonbathing, a Journal of Women’s Tanka edited by Pamela A. Babusci.   2 comments

A great honor to appear for the first time in Moonbathing, a Journal of Women’s Tanka edited by Pamela A. Babusci. I’m delighted to be in the company of so many very talented tanka poets. Thank you very much Pamela. Here’s my tanka:

34901671_10216235255773218_8565770904129241088_n

veiled sky
somewhere the words
we didn’t say
hidden forever
among grey clouds
~
Eufemia Griffo

Otata, June 8th   2 comments

otata

https://otatablog.files.wordpress.com/2018/06/otata-30-june-2018.pdf

 

34849776_1890712860973787_7068570980058136576_n

La memoria involontaria: la mia prefazione per la rivista “Le Lumachine”, numero 28 diretta da Stefano d’Andrea   Leave a comment

7c3ce54688f3aff17ad4ae23036717ba

 

Quando si pensa alla memoria involontaria descritta in letteratura, non si può fare a meno di tornare col pensiero alle petites madeleines di Marcel Proust. Questo genere di memoria è quella da cui si è assaliti di fronte a un sapore conosciuto, come nel celebre brano tratto dal romanzo dello scrittore francese. Pur essendo radicata in noi, spesso non sappiamo subito dove inserirla nel nostro quadro dei ricordi, al punto che ci tocca faticare, scavare, ricostruire, assillati dalla presenza di un ricordo che ancora non sappiamo dove collocare. Ho voluto iniziare dal famoso episodio narrato nella Recherche (questo brano viene presentato da Proust nella parte iniziale del primo volume: “La strada di Swann”) per introdurre il tema del nuovo numero di Lumachine, ossia la memoria involontaria. Con le petites madeleines, Proust ci accompagna attraverso il processo del ritrovare una memoria perduta quando risvegliata non dal pensiero, ma dai sensi. Posti di fronte a un sapore o a un odore conosciuti, la memoria involontaria agisce e si disvela. Affinché questa memoria sensoriale abbia un significato anche esistenziale, cioè ci racconti un pezzo della nostra storia o s’inquadri in un momento preciso, è necessario abbandonarsi ai sensi stessi per ritrovare la prima volta in cui furono sollecitati in quel modo. Nel caso di specie, quello della madeleine, la memoria è dunque involontaria poiché non l’abbiamo richiamata noi. È l’oggetto che assaporiamo, che annusiamo o semplicemente che guardiamo, a essere testimone di quel ricordo e quindi dobbiamo sforzarci di provare ancora, all’indietro, tutte le sensazioni che riconducono a quella prima che abbiamo dimenticato. Giunti infine a riappropriarci di quel ricordo, l’esperienza della rimembranza diventa completa e la soddisfazione che ne deriva è assoluta. Alla memoria involontaria si contrappone quella volontaria. Quest’ultima designa l’insieme dei ricordi che l’intelletto recupera con un intervento cosciente al fine di richiamare alla memoria eventi, persone, luoghi. Ma è a quella involontaria, capace di recuperare l’autentica essenza del passato, un ricordo sopito nella coscienza e all’apparenza dimenticato, che rivolgiamo il nostro interesse. Julia Kristeva, la semiologa franco-bulgara, linguista, psicoanalista e scrittrice considerata tra i massimi intellettuali del nostro tempo, definisce Il Tempo ritrovato o Tempo sensibile, la formula alchemica dell’intera Recherche. Addentrarsi nel romanzo di Proust non significa solo leggere un celebre libro, ma diventa “una esperienza del tempo che insegna a essere meno impazienti, a ritrovare le sensazioni sotto l’apparenza dei segni, decodificandoli.”, afferma la Kristeva. (Le temps sensible, Folio essais, 1994). Al punto che una petite madeleine, un’esperienza del tutto insignificante, lo sprofonda in uno stato di felicità ed estasi, di gioia indescrivibile, che egli tenta di comprendere. Un momento unico capace di restituirci quell’insieme di sensazioni e sentimenti che caratterizzano un giorno o un momento come qualcosa di irripetibile e faccia riaffiorare dentro di noi il fiume dei ricordi legati a quella percezione. Tutti quei giorni trascorsi, perduti, che pensavamo di avere dimenticato, cancellato per sempre, tornano nuovamente nel flusso della coscienza. In definitiva ciò che rimane è quella meravigliosa sensazione di gioia che accompagna Marcel nelle sue indescrivibili esperienze, fino a trasportarlo in un tempo “perduto”, ossia una realtà extratemporale che è sottratta al presente perché sfugge fuori dal tempo, dall’hic et nunc. Il Tempo, feroce tiranno delle cose passate, distrugge ogni cosa al suo passaggio, seppellendo i frammenti della vita trascorsa, ma quando tutto sembra perduto, riemergono schegge di memoria che invano la mente ha cercato attraverso l’incessante fluire dei giorni. Ci riappare quindi un mondo fatto di meraviglia, ma anche di intensa nostalgia per quel che è stato e che mai più sarà, ossia un rimpianto consapevole e il ripensamento minuzioso del tempo che mai più potrà tornare. Ancora nella Recherche, Proust scrive: “Ma a volte, proprio nel momento in cui tutto ci sembra perduto, giunge il messaggio che ci può salvare: abbiamo bussato a porte che davano sul nulla; e nella sola per cui si può entrare, e che avremmo cercata invano cent’anni, urtiamo inavvertitamente ed essa si apre”. Solo in questo modo è possibile ritrovare i giorni remoti, il tempo perduto di fronte al quale gli sforzi della memoria e dell’intelligenza avevano sempre fallito. La memoria involontaria sembrerebbe anche superare gli ostacoli posti da Orazio nel suo celebre Carpe diem quam minimum credula postero. Egli ci invita a vivere il presente e a non pensare al futuro. Ma la madeleine, molti secoli dopo, parrebbe in parte sovvertire questo assunto, al punto che quello che non abbiamo gustato consapevolmente nel tempo trascorso, possiamo riviverlo qui e ora. Nulla è perduto, e ciò che era scivolato via riemerge prepotentemente. Così anche il tempo già vissuto può essere in parte ritrovato. Nella poesia, la memoria involontaria, affrancata dalla dimensione temporale, può esprimersi come forza creativa per consentire allo scrittore di rivivere situazioni di vita perdute e celebrarle attraverso una lirica venata di intensa μελαγχολία (melanconia o malinconia). Pensiamo ai poeti che celebrano i loro ricordi d’amore, suggestioni profonde che non fanno eccezione e non sfuggono alla memoria involontaria. Pensiamo a un’immagine classicamente velata di malinconia come per esempio il suono della pioggia che cade: la sua comparsa può disvelare un mondo dimenticato che riemerge con prepotenza attraverso i versi del poeta. Anche nella composizione dello haiku talvolta agisce la memoria involontaria, al punto che i versi spesso fluiscono liberamente, sottraendosi a conteggi metrici, regole e quant’altro. Il protagonista diventa quindi il cuore del poeta che si lascia trasportare attraverso i meandri e i recessi della sua anima, la quale gli restituisce voci, immagini, colori e volti del passato, senza che queste suggestioni si pongano in antitesi con la vita quotidiana che gli offre immagini vivide della natura. Un tempo “altro” che si concilia magnificamente con il momento attuale. Nel momento in cui passato e presente confluiscono e diventano tutt’uno, avviene la sintesi poetica su cui la memoria involontaria ha posto, prepotentemente, il suo vessillo. 

Pubblicato 7 giugno 2018 da Eufemia Griffo in Le lumachine, Senza categoria

Un poema per Ecate   Leave a comment

 

34721588_1889624247749315_5966810554650591232_n

la porta è aperta
custodisce il passaggio
l’antica dea*

*
Eufemia 

Ecate, (in greco antico: Ἑκάτη, Hekátē) o Hekate o Hekat (in latino: Hecata o Hecate) è un personaggio di origine pre-indoeuropea che fu ripreso nella mitologia greca e romana e trasportato poi nella religione greca e romana.
Ecate regnava sui demoni malvagi, sulla notte, la luna, i fantasmi, i morti e la Negromanzia.

Pubblicato 7 giugno 2018 da Eufemia Griffo in Miti celtici, senryu

Haiku windows edited by Katherine Munro. This week them’s: spaceship window.   Leave a comment

One haiku of mine is featured in Haiku windows edited by Kj Munro. Thank you so much for this excellent selection. This week them’s: spaceship window.

34510321_1888413884537018_9213046686367088640_n

spaceship window
a tiny star crosses
Saturn’s rings

Eufemia Griffo

 

https://www.thehaikufoundation.org/2018/06/06/haiku-windows-spaceship-window/

Tra le mani del Re

b09f77bfaa3c67fbe09235518538ed97

È l’ombra nera
che spira come vento
e squarcia il sole

della terra che amammo
al riparo dal male

E nel dolore
mistura di veleno,
calice nero

svaniranno i giorni
e le antiche leggende

Osservo, mesto
nelle tue mani, Arwen
solo immagini.

Sono pallidi riflessi
del tuo cuore sepolto

*
Eufemia Griffo (poesia ispirata al libro “Il Signore degli anelli” di J.R.R. Tolkien)

Premio letterario Enrichetta Galli: ricevo il terzo premio per la poesia “Contorni imperfetti”.

Concorso letterario Enrichetta Galli: sul podio, terza classificata, con la poesia ” Contorni imperfetti”.
Nella meravigliosa cornice del Parco Farina a Settimo Milanese, ricevo il premio dal sindaco Sara Sant’Agostino.
Ho ritirato anche il premio del poeta Davide Rocco Colacrai dando voce alla sua poesia ” La rivoluzione di mio padre”. Ho letto con commozione sia la mia lirica, sia la sua. Congratulazioni mio caro amico, è stato un onore e un piacere rappresentarti. Infine ringrazio gli organizzatori del premio la giuria composta da docenti, dirigenti scolastici e poeti.

34398676_1884312001613873_7560531330304311296_n

34366315_1884343288277411_51083744018169856_n

Pubblicato 3 giugno 2018 da Eufemia Griffo in concorsi, Poesia, premi, Premiazioni, Senza categoria

Le Lumachine, 28: tre miei haiku pubblicati da Stefano d’Andrea

34159289_1884168951628178_1211286231804018688_n

Per scaricare e leggere la rivista cliccare qua

Pubblicato 2 giugno 2018 da Eufemia Griffo in Le lumachine, Senza categoria

Asahi Haikuist Network, Juin 1

Today, a lovely surprise for me: one poem of mine featured in Asahi Haikuist Network, edited by David McMurray.

84aa4e447b304d2789f1a80b3cd7daca

sumi-e
a drop of black ink
lost in mist
~

Eufemia Griffo

Le Lumachine numero 28, rivista diretta da Stefano d’Andrea. Tema: Memoria involontaria e nostalgia.

Memorie di una Geisha, multiblog internazionale di HAIKU di ispirazione giapponese

34054234_1883004311744642_1197601564055830528_n.jpg

Per il download cliccare sull’immagine o sul link qua sotto.

Please, click on the link below or on the image for free download.

https://docs.wixstatic.com/ugd/0ba2eb_918512bcd38e45ac9abc75c18b0aae60.pdf

View original post

Pubblicato 2 giugno 2018 da Eufemia Griffo in Senza categoria