Archivio per novembre 2016

Writers il numero 11 sul tema “La rinascita”   Leave a comment

Il numero 11 della rivista ” Writers” uscito ieri e dedicato al tema della rinascita.
Un numero ricchissimo di contributi nel quale sono presente con il racconto a pag. 35: ” La scelta di Jasmine”, una storia di vita, amore, speranza.
writ

https://drive.google.com/file/d/0B36h81sAzbS9Ti1YUEwtNzlVcWs/view

Pubblicato 19 novembre 2016 da Eufemia Griffo in Rivista on line

Summer, il mio haiku commentato da Nicholas Klacsanzky e tradotto da Marina Bellini   1 comment

bubble

 

tutta l’estate
racchiusa in una bolla
di sapone

enclosed
in a soap bubble
summer

© Eufemia Griffo (Italy)

Un’ estetica rispettabile dello haiku è la bellezza nella sua caducità. Questo haiku a mio parere dimostra perfettamente questa estetica.
Le bolle di sapone non durano a lungo, solo pochi secondi. Si nota l’attenzione e la prontezza del poeta nel momento in cui scriveva questo haiku. Nonostante la bolla di sapone abbia vita breve, essa rappresenta l’estate in tutta la sua gloria. Essendo sferica e trasparente, la bolla può’ rispecchiare il mondo circostante in tutta la sua pienezza.
Da un punto di vista filosofico, dice tanto. Potrebbe significare che seppure abbiamo vissuto un solo momento di piena consapevolezza, la nostra vita ha raggiunto il suo pieno significato. Un’altra prospettiva potrebbe essere che anche la più evanescente delle cose può’ avere un significato profondo nella vita degli altri. E ancora un’ altra interpretazione di questa immagine è che rappresenta noi stessi: le nostre vite sono brevi, tuttavia la gioia e la felicità’ dovrebbero essere viste in toto.
Aldila’ della filosofia, gli haiku sono quello che sono. Questo haiku potrebbe semplicemente parlare di una bolla che riflette la giornata estiva attorno ad essa. Niente di più, niente di meno.
Di solito, se pensiamo troppo allo haiku, non ne vediamo l’essenza. La verità’ profonda di ogni haiku è che il suo essere ci porta in uno stato di pura consapevolezza senza pensieri.
Pensando alla sonorità, mi piace come le lettere “o e u” vengono usate per creare un senso di rotondità, come la bolla. Il suono “s” lo rende piu’ musicale e forse potrebbe rappresentare il suono dell’acqua che scorre nella vasca da bagno.
Le bolle di sapone aggiungono qualcosa all’atmosfera dell’estate: giocose, confortanti, calde benché’ temporanee. Le due parti stanno bene insieme non solo come immagine, ma anche come atmosfera.

– Nicholas Klacsanzky (con la traduzione di Marina Bellini)

 

Pubblicato 4 novembre 2016 da Eufemia Griffo in haiku, Nicholas Klacsanzky

Eufemia Griffo’s Summer   2 comments

Sono molto molto felice per un’ altra pubblicazione di cui mi è giunta notizia oggi pomeriggio. Un altro mio haiku in lingua inglese, è stato pubblicato sul sito ‘ Haiku commentary’ con un accurato e meraviglioso commento di Nicholas David Klacsanzky, che ringrazio moltissimo.
Incredibly honored to know my haiku will be published on the “Haiku commentary”.
Thank you for the wonderful and accurate comment written by Nicholas David Klacsanzky. I’ am very very happy ❤

Haiku Commentary

enclosed
in a soap bubble
summer

© Eufemia Griffo (Italy)

A respected haiku aesthetic is the beauty in transience. I believe this haiku wonderfully demonstrates this aesthetic.

Soap bubbles definitely do not last long, if not for a few seconds. This speaks of the attentiveness of the poet and sharpness with which she was in the moment while writing this haiku. Even though the soap bubble is short-lived, it presents summer in all its glory. Being spherical and clear, a soap bubble can mirror the surrounding world in a comprehensive way.

Philosophically, this can speak volumes. It could mean that even if we have lived one moment in complete understanding, our life has been fulfilled. Another perspective could be that even the most momentary of things can have a deep significance in the lives of others. And yet another take on this imagery is that it represents ourselves: our lives…

View original post 172 altre parole

Questa neve, il mio unico kigo: mio articolo di commento ad uno haiku di Vladislav Vassiliev   Leave a comment

“Questa neve il mio unico kigo”

this-war-of-mine-sneg-tank

E’ mia abitudine leggere in rete molti haiku moderni di autori del mondo anglofono.
Ne sono affascinata ed attratta, anche perché considero essenziale mettere a confronto due diversi modi di scrivere, rispetto a quello degli autori italiani, per poter rilevare differenze e punti di contatto tra le diverse scuole di poesia.
La scorsa estate lessi uno haiku di Vladislav Vassiliev*, che riporterò durante la stesura dell’articolo e ne rimasi profondamente colpita.
Come ho modo di ripetere spesso, la poesia crea legami emozionali, tesse sensazioni che mettono in comunione chi scrivi con colui che legge. Ci sono versi che si imprimono profondamente nella memoria di chi ha la fortuna di imbattersi in liriche di alto livello che lasciano tracce e inducono a profonde riflessioni.

Lo haiku in oggetto di Vassiliev è il seguente:

nuclear winter
this snow
my only kigo

inverno nucleare –
questa neve
il mio unico kigo

Dopo un primo approccio alla lettura, come spesso mi capita, rimango in silenzio a riflettere sul testo; ho bisogno di un tempo “mio” per metabolizzare le sensazioni, sovente latenti e sospese, che non sono ancora ben definite in maniera razionale.
Una poesia può essere definita “bella, brutta, meravigliosa”, ma leggendo lo haiku dell’autore russo, non sono riuscita a trovare gli aggettivi appropriati, per descrivere la catena di sensazioni che ho provato. Può una poesia breve o lunga che sia, imprimersi in maniera tanto efficace nel cuore del lettore?
La mia è stata a posteriori, una lettura emozionale. Ci sono versi che vorresti leggere e rileggere mille volte. In questa direzione va lo haiku di Vladislav Vassiliev che potremmo definire un “modern haiku”, poiché distante dalla tradizione degli antichi maestri, per le figurazioni e la scelta di parole sconosciute ai maestri del periodo Edo, (nucleare), ma che tuttavia costituiscono base solida con connotazioni poetiche di altissimo livello.
Inverno nucleare, il primo KU dello haiku di Vassiliev, dà prova di quanto esposto sopra. Il termine “nucleare”, entra quindi prepotentemente a fare parte di un nuovo modo di scrivere haiku moderni. Lo haiku di Vassiliev si inserisce in quel che il mondo anglofono definisce” sci – faiku”, una sorta di haiku fantascientifici.
Molti temi che entrano oggi nella poetica haikai (vedi le parole telefoni, aeroplani,film, computer), sarebbero stati considerati fantascienza secoli fa. Oggi invece questi termini così moderni e tecnologici, entrano prepotentemente nella composizione di haiku e renku.
Sorge quindi spontanea una riflessione, che spesso mi sono posta , soprattutto durante la lettura dei senryū moderni:, è necessaria un’adesione alla realtà che ci circonda o i canoni estetici della poesia classica giapponese, vanno comunque salvaguardati?
Mentre in Italia, la poetica haikai risente ancora moltissimo degli influssi della poesia tradizionale giapponese, nel mondo anglofono, la celebrazione del reale, dell’hic et nunc, delle sue modifiche e cambiamenti, è diventato un tratto essenziale della lirica.
In questo contesto lo haiku di Vassiliev, diventa riflessione su una tragedia quale è l’inverno nucleare. Inverno che simbolicamente, potremmo tradurre con “guerra” (vedesi la prima stesura del mio commento), là dove le due parole si trovano non in opposizione, ma in una specie di legame simbiotico. Entrambe infatti, fanno pensare a qualcosa di freddo, oscuro, tetro.
E se da una parte la neve è purezza, dall’altra la guerra/inverno, è tenebra, una lunga ed oscura notte dove tutta la bellezza del mondo scompare. Così come lungo e oscuro sono gli inverni.
Il ku finale, a mio avviso è il vero capolavoro di questo “sci – faiku”: non esistono più parole quando si parla di guerra, non ci sono nemmeno più immagini che possano tradurre lo sdegno umano nei confronti di tanto dolore, ma solo quello che nello haiku chiamiamo “kigo” e che attinge la sua genesi nella natura. Ma non è più una natura che offre immagini di bellezza, che acquieta e reca pace. Anche la natura ci parla di sofferenza, di pathos e viene essa stessa contaminata dalla bruttura degli eventi bellici. Resta solo la poesia tra le mani del poeta nel descrivere le sconvolgenti sensazioni che si agitano nel suo animo con un ultimo “kigo”, il suo unico mezzo e strumento per palesare i suoi sentimenti; un kigo che si nutre della purezza e del candore della neve.
*
Eufemia Griffo
* Vladislav Vassiliev, nato a Mosca, da molti anni risiede a Londra con la sua famiglia e lavora nel settore degli investimenti. Da più di dieci anni scrive e studia haiku, senryu, renga ecc. Pubblicato in molte riviste internazionali, è uno degli editori della rivista russa di senryu e kyoka “Ershik”.

Pubblicato 3 novembre 2016 da Eufemia Griffo in haiku, Vladislav Vassiliev

Nel cerchio della Luna – Samahin   Leave a comment

sa

Dea della Luna
dal misterioso volto
di una fanciulla,
fa’ che la notte oscura
rinasca tra le stelle

I capelli avvolti
da splendidi diademi
sono parole arcane,
simboli antichi 
che narrano il tuo nome

Due scie di fuoco
come fiamme danzanti,
tracciano strade:
il bene e il male insieme,
come neve e fiamma

Luci dorate
nel cerchio della Luna
sono  la tua dimora,
nel  tempo del riposo
e delle silenziose attese

*
Eufemia 

Pubblicato 1 novembre 2016 da Eufemia Griffo in Poesia, Samhain

Autumn   Leave a comment

aut

Ognissanti, Halloween, amo il profumo delle caldarroste. Lo scoppiettio del fuoco, un senso di calore, di pace, di meditazione. Vorrei essere lì, accanto al camino che brucia la legna con improvvise esplosioni di scintille mentre un ciocco, ormai consumato, crolla dall’alare di ferro per appoggiarsi sulla brace rossastra, esso stesso incandescente e occhieggiante. Intanto si leva un fumo denso dalle castagne che si anneriscono piano piano. La mia mente vaga tra i pensieri, ritrova l’amore, i sogni, il desiderio  e il colore dell’autunno.

Articolo dal web

Dal web http://lareginadelveleno.blogspot.it/2013/10/ognissanti-halloween-amo-il-profumo.html

Pubblicato 1 novembre 2016 da Eufemia Griffo in articoli

haiku   Leave a comment

can

candle light
the night of the spirits
is less scary

luce di candela
la notte degli spiriti
fa meno paura
*
Eufemia Griffo

 

*Samhain è il tempo dell’ultimo raccolto, degli ultimi frutti, i più dolci e ricchi che ci sosterranno nel lungo inverno.
Ed è l’inizio dell’attesa, del tempo interiore della preparazione, del buio. Il tempo in cui i semi dimorano nella terra quieta.
E’ il buio da cui tutto ha inizio, il silenzio da cui sorgerà la prima vibrazione, quel vuoto iniziale che deve essere, perchè possa compiersi la nascita.
Tempo prezioso e necessario. Tempo di riposo e di ascolto silenzioso.
Ma è anche il tempo in cui ricordiamo coloro che ci sono stati cari e che ora non ci sono piu’, soglia di questo passaggio, del limitare tra vita, morte e vita, Samhain è porta aperta fra le dimensioni del tempo e delle esistenze.

Pubblicato 1 novembre 2016 da Eufemia Griffo in haiku, Samhain

tanka   Leave a comment

addio

come uno stormo
verso paesi lontani,
così le foglie

illusioni d’autunno
nel malinconico addio
*
Eufemia

Pubblicato 1 novembre 2016 da Eufemia Griffo in Samhain, tanka

haiku   Leave a comment

zu

– immagine dal web –

dark night
hiding behind a pumpkin
a black cat

 notte oscura
dietro ad una zucca
si nasconde un gatto nero

*

Eufemia 

Pubblicato 1 novembre 2016 da Eufemia Griffo in haiku, Samhain

haiku – In memory   Leave a comment

travel

cade d’ ottobre
il ricordo del tuo viaggio
verso le stelle

it falls in October
the memory of your journey
to the stars

(a mia madre)

*

Eufemia

Pubblicato 1 novembre 2016 da Eufemia Griffo in haiku, in memory