Come un aquilone, un mio racconto pubblicato sul numero di novembre, della rivista Writers.   Leave a comment

 

thumbnail_come un aquilone

Pomeriggio d’autunno, uno dei tanti lungo la Senna che fluiva incessante nel suo scorrere immutabile ed eterno.
Ne aveva viste di cose la Senna e quella sera ascoltava, come faceva da sempre, la solitudine di una donna appoggiata al ponte mentre guardava la pallida luce della luna che si specchiava nelle acque scure.
Un bateau-mouche passò e il movimento delle onde, interruppe per un attimo il flusso dei pensieri di Silvye.
La donna ripensò agli ultimi giorni della sua vita: una donna spezzata come in quel famoso romanzo di Simone de Beauvoir. Strano come quel libro che le era tanto piaciuto anni prima ora sembrava essere così perfetto per definire ciò che la sua vita le sembrava essere in quel momento. Non piangeva Silvye anche se aveva la sensazione che mille rovi le trapassassero l’anima facendole dimenticare persino il sapore delle lacrime. Ripensandoci, non riusciva nemmeno a ricordare l’ultima volta che si era sentita felice. L’uomo che aveva così tanto amato, se ne era andato via, lontano. Aveva scelto la fama e il successo e lei non se l’era sentito di lasciare la sua vita, così semplice al confronto di quella di Antoine, per seguirlo e iniziare tutto da capo. Antoine era rimasto del tutto indifferente al suo amore e a tutto quel dolore che l’aveva avvolta.
Possibile, che in tutto quel tempo, non si era mai accorta di quanto lui fosse già così lontano? L’amore può diventare così cieco al punto da ottenebrare la visione della realtà?
Appoggiò il suo viso sulle braccia quando qualcosa attirò la sua attenzione.
Un aquilone volava sulla Senna accarezzando col suo moto colorato i contorni bui della notte, librandosi nell’aria fredda di quella sera d’autunno e descrivendo col suo volo obliquo, una danza gioiosa che strideva con le mille sensazioni che Silvye portava nel cuore. La luce di un lampione ne lasciava intravedere i colori del sole.
Il suo sguardo fu così catturato dalle mille acrobazie che l’aquilone sembrava disegnare sulla volta del cielo di Parigi tanto che chiuse gli occhi e si immaginò di volare in quell’infinita vastità come l’aquilone dai colori del sole e di essere libera come lui.
Bastava lasciare il filo…e pffffff, anche Silvye sarebbe volata via, forse senza una meta e senza confini, danzando con le stelle e chiedendo alla luna di illuminare la sua anima inaridita dal buio di quei giorni.
Poi Silvye riaprì gli occhi e vide solo un fiume che da sempre sussurrava parole con la sua bella voce e che nemmeno tutti i secoli del mondo avrebbero potuto invecchiare. Quel lento ondeggiare della Senna, per un attimo la fece sentire serena e la donna riassaporò quella pace e quella serenità che le mancavano da tempo e guardando l’antico fiume, come se fosse un vecchia amico gli sussurrò: « Grazie!»
Quella sera si sentì forte abbastanza per riprendere in mano i fili della vita a e come un aquilone si immaginò di solcare i cieli e correre verso una nuova meta. Quel momento le sembrò semplicemente perfetto per varcare i cancelli della speranza e come un aquilone, si disse, doveva provare di nuovo a volare.

***

 

Eufemia Griffo – Writers, Novembre 2017

Annunci

Pubblicato 14 novembre 2017 da Eufemia Griffo in racconti, Writers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: